La delicatezza di David Foenkinos

François pensò: “Se ordina un decaffeinato, mi alzo e me ne vado. E’ la bevanda meno socievole che ci sia. Un tè, non è molto meglio. Si capisce che passerai le domeniche pomeriggio a guardare la tv. O peggio: dai suoceri. Alla fine si disse che un succo di frutta andava bene. Sì, un succo di frutta è simpatico. E’ socievole e non troppo aggressivo. Si capisce che la ragazza è dolce e equilibrata. Ma quale succo? Meglio scartare i grandi classici: evitiamo la mela o l’arancia, troppo scontati. Bisogna essere un tantino originali, senza però essere eccentrici. La papaia o la guaiava fanno paura. Il succo di albicocca è perfetto. Se lo sceglie, la sposo…”
“Prendo un succo… un succo di albicocca, credo”: rispose Nathalie.
Lui la guardò come se fosse un’effrazione della realtà.

La delicatezza
è un piccolo libro senza pretese. Un romanzo delicato, proprio come promette il titolo e nell’accezione migliore del termine. Scritto da David Foenkinos e pubblicato nel 2009, è in testa alla classifica dei tascabili in Francia.
Diciamo subito che non è niente di indimenticabile, ma ha un pregio: si legge in fretta e parla d’amore. Altro punto a favore è che fa ridere. In certi momenti è davvero comico ed è raro ridere con un romanzo. Un ulteriore pregio è che il protagonista è un amante di Cioran (ma mi rendo conto che questo sarà un pregio solo per pochi…)

Tra i contro c’è che a tratti è leggerino. Inoltre non mi sono piaciute le liste, già usate più efficacemente da altri autori – vedi ad esempio Nick Hornby in Alta fedeltà – né gli intermezzi che rompono la narrazione con definizioni d’enciclopedia, ricette, citazioni, testi di canzoni, articoli di giornali etc. E poi certe metafore sono troppo scontate e insistite… ma nel complesso è una lettura piacevole.
David Foenkinos e un fan sfegatato di John Lennon, a cui ha dedicato anche un romanzo biografico – Lennon – e ha una spassionata ammirazione per Bella del Signore di Albert Cohen. La delicatezza, il suo ottavo  romanzo, ha vinto ben 10 premi letterari ed è stato tradotto in numerose lingue.

Che succede se la donna più bella di tutta l’impresa, la più brillante e charmante, i cui tacchi risuonano pure sulla moquette, quella di cui è innamorato da sempre il direttore, comincia a uscire con un suo collega di grado inferiore, brutto, goffo, insignificante, nonché svedese? E come dovrebbe sentirsi il povero Markus che entra nella stanza del suo superiore col dossier 114 e lei, senza dire niente, si dirige verso di lui, gli arriva vicinissima e gli dà un lungo bacio appassionato?
A questo punto lo svedese perde il sonno e la ragione. Del resto niente come l’amore favorisce l’insonnia. Forse perché come scrive Cioran: “All’interno di ogni desiderio lottano un monaco e un macellaio”.

Pubblicato da

Tiziana Zita

Tiziana Zita

Redattrice in programmi Rai, pubblicista, story editor e producer di fiction per la tv, prima in Rai, poi a Mediaset. Scrivo tanto. Nel 2011 ho creato Cronache Letterarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *