Più libri più liberi

Si è conclusa, al palazzo dei Congressi di Roma, Più libri più liberi, la fiera della piccola e media editoria. 4 giorni, 400 espositori, 60 mila titoli, 383 editori, 280 appuntamenti con autori italiani e stranieri, giornalisti, attori e soprattutto tanti lettori: oltre 50 mila presenze. Quest’anno la fiera era dedicata a “Tutte le forme di scrittura”, con una particolare attenzione a fumetto, musica, cinema, arte e nuove teconologie digitali. Grande attenzione anche alla scoperta di nuovi talenti, sia italiani che stranieri.

Libri fatti con cacca d’elefante

Gli ebook, che non coprono ancora l’1 % del mercato, vengono prodotti per il 63,6 % da piccoli editori. La crisi però si fa sentire. Quest’anno c’è stato il 9,7% in meno di titoli pubblicati complessivamente dalla piccola e media editoria.
Libro dell’anno di Fahrenheit, quello più votato tra i 12 libri del mese, è Se ti abbraccio non aver paura di Fulvio Ervas, pubblicato da Marcos y Marcos: il viaggio di un padre che attraversa l’America in moto, insieme al figlio autistico.

Tra i libri più strani presenti alla fiera ci sono quelli fatti con cacca di elefante della :duepunti edizioni, (sono quelli qui sopra con il camice da dottore) per la collana Zoo Scritture animali: ci assicurano che la materia prima arriva direttamente dall’Africa. Mentre nella collana Toilet, la 80144edizioni pubblica racconti da leggere quando si ha poco tempo, alla posta, in sala d’attesa, o al bagno. Vicino al titolo sono indicati i minuti necessari per la lettura di ciascun racconto, che vanno da un 1 minuto, a 5, 10 e così via…

 

Redattrice in programmi Rai, pubblicista, story editor e producer di serie tv, prima in Rai, poi a Mediaset. Scrivo tanto. Nel 2011 ho creato Cronache Letterarie.

Lascia un commento

*