Speed date con gli editori
Al Women’s Fiction Festival di Matera

Women's Fiction Festival 2015Ci sono 10 minuti di tempo per proporre il tuo libro. Perciò meglio avere pronta una sinossi. In quei 10 minuti devi raccontare tutto, convincerli e rispondere a tutte le loro domande. Poi suona il campanello e si passa a un altro editore. Sembrano gli speed date del film di Verdone, solo che dall’altra parte c’è un editor, oppure un agente.
A Matera in questa edizione del Women’s Fiction Festival ce n’erano parecchi. Tutti avevano indicato preventivamente cosa cercano. Così se hai scritto un thriller non andrai a proporlo a chi cerca romance e se hai scritto un erotico non lo proporrai a chi fa libri per ragazzi, ma ogni scrittore, o aspirante tale, sceglie gli editori e gli agenti potenzialmente interessati al proprio testo.

Women's Fiction Festival logoPoi ci sono anche gli agenti stranieri, che pure hanno comunicato le loro preferenze. Questi in linea di massima preferiscono testi già pubblicati, ma a volte incontrano anche gli esordienti. In questo caso la sinossi va presentata in inglese e se non conosci la lingua, puoi avvalerti di un interprete.

Di che genere è? Qual è la trama? Perché è ambientato proprio questi anni? Chi ti ha ispirata? Qual è il pubblico che potrebbe leggerlo? A quale romanzo lo paragoneresti? E’ in terza o in prima persona?
Queste sono alcune delle domande che ti vengono poste da editori e agenti.

Judith Edge
Judith Edge, la donna col campanello

Preparare una sinossi del proprio romanzo, si sa, non è semplice perché in una paginetta devi metterci tutto e ti sembra sempre insufficiente, ma il pitch è ancora peggio perché devi farlo in un paio di righe. Eppure questi strumenti sono utili sia all’editore che deve conoscere e valutare, sia allo scrittore perché già dalla sinossi si possono evidenziare eventuali debolezze del testo. Certo non in tutti i romanzi quello che conta è la trama, ma da una sinossi si vede come scrivi. Poi è bene portare un estratto del proprio romanzo, l’incipit o un paio di capitoli.
A questo punto sentiamo che dicono gli editori.

Campanello Women's Fiction FestivalAlice Di Stefano, Fazi, due anni fa, qui a Matera in uno degli speed date ha incontrato Francesca Vignali il cui libro hanno appena pubblicato. Sul suo testo non c’è stato bisogno di grandi interventi. Poi ha selezionato anche un’altra autrice con cui sta lavorando da un anno perché lo stile era buono, ma mancava la storia. In seguito questa le ha riproposto un testo in cui però mancava ancora la storia. Allora l’autrice ha avuto una crisi e si è fermata per diversi mesi. Alla fine ha ripresentato il romanzo con la stessa storia, ma tutto funzionava bene e aveva ritmo.

Angela Rastelli di Einaudi non si occupa di genere, non di Stile Libero. La tradizione Einaudi è forte ma questo non vuol dire che non ci sia la ricerca di qualcosa di nuovo e dirompente. Hanno due collane, i Supercoralli, quelli cartonati con la copertina bianca, che sono i testi più letterari, e poi i Coralli, collana che sfugge ai lettori anche se sempre più si orienta verso le lettrici, con storie al femminile. Hanno pubblicato anche romanzi di formazione dove la trama, se raccontata, è piuttosto banale ma non è quello che conta. “In questi giorni” dice la Rastelli, “ho sempre chiesto di farmi l’esempio di un romanzo a cui paragonare il proprio, ma tutti mi hanno risposto che non esiste niente di simile. Questo non mi è piaciuto. Non abbiate paura di avere dei modelli”.

Matera 2Per Enrico Racca, responsabile editoriale di Mondadori Ragazzi e de Il battello a vapore, la storia è al primo posto come importanza, quindi negli incontri con gli autori, fin dalle prime parole lui valuta qual è la storia. Dice che è utile confrontarsi con dei modelli, che non bisogna aver paura di farlo e che è importante fare un pitch, ovvero raccontare il romanzo in due righe.

E’ d’accordissimo Chiara Ferrari che si occupa di Thea, Tre60 e Nord (gruppo Mauri Spagnol): per vendere un libro bastano due righe che ti diano una precisa idea e ti invoglino a leggere altro.

A questo punto si comincia a discutere di crisi editoriale e promozione del libro, due fattori strettamente interconnessi di cui parleremo in un prossimo post.
Vorrei solo ricordare che il Women’s Fiction Festival, alla sua 14a edizione, ha fatto esordire 10 scrittori a cui si aggiungono i 2 romanzi di quest’anno: Quasi arzilli di Simona Morani edito da Giunti e Nonostante tutto di Francesca Vignali, pubblicato da Fazi.

Prentazione Fazi Francesca Vignali
Presentazione di ‘Nonostante tutto’ di Francesca Vignali, edito da Fazi.

Putroppo, durante la serata conclusiva Elizabeth Jennings, tra gli ideatori del festival, ci comunica che: “Forse finisce qua. Siamo come un aereo che è atterrato quasi senza benzina”. Così, anche se ha appena ricevuto proposte per replicare il festival a Puna, in India, e a Dubai, questa potrebbe essere l’ultima edizione.

Intanto il Women’s Fiction Festival premia Giuseppina Torregrossa, una delle sue scoperte. L’autrice siciliana racconta che nel 2008 ha pubblicato un romanzo con un piccolo editore ed è venuta a presentarlo al festival, dove però non ha avuto successo. Mentre si trovava in libreria ha conosciuto una ragazza di 26 anni che cercava un libro da leggere che si leggesse in un paio d’ore, così le ha detto:
“Legga questo e vedrà che le piacerà tantissimo”.
“Ma lei l’ha letto?”
“Sì, certo”.
La ragazza era Giulia Ichino, talent scout di Mondadori che a un certo punto le ha scritto una lettera: “Vorremmo conoscerla”. Lei ha pensato a uno scherzo delle amiche. Poi quando ha scoperto che non lo era, ha chiamato. Non sapeva che quella ragazza fosse Giulia Ichino, cosi come l’altra non sapeva che il libro l’aveva scritto lei. Quindi si sono incontrate e in brevissimo tempo le hanno fatto il contratto. Sembra proprio un romanzo, no?

Giuseppina Torregrossa, fra Mariateresa Cascino e Maria Paola Romeo, ideatrici del festival

Per vedere come funziona La borsa del libro, a cui possono partecipare tutti senza distinzioni di sesso, potete andare sul sito del Women’s Fiction Festival, dove trovate anche le indicazioni su quello che cercano editori e agenti, e i costi per iscriversi… tutto questo sperando in una prossima edizione.

Pubblicato da

Tiziana Zita

Tiziana Zita

Redattrice in programmi Rai, pubblicista, story editor e producer di fiction per la tv, prima in Rai, poi a Mediaset. Scrivo tanto. Nel 2011 ho creato Cronache Letterarie.

Un pensiero su “Speed date con gli editori
Al Women’s Fiction Festival di Matera”

  1. Cara Tiziana, 1 resoconto puntuale e preciso !!sono contenta di aver partecipato e’ stato molto interessante,mi sono affacciata al mondo dell’editoria che mi ha affascinato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *