La principessa Leila: dal set alla tavola

Il tavolo di design ispirato alla principessa Leila di Star Wars
Le-a coffee table – Zaha Hadid Design

Quando il cinema contagia il design, il risultato può essere un arredo del tutto originale ed evocativo, che ci parla e ci ricorda di una principessa “stellare”. Stiamo parlando di Le-a coffee table, il tavolo ispirato all’eroina di Star Wars, la principessa Leila Organa, interpretata da Carrie Fisher, venuta a mancare lo scorso 27 Dicembre e, in particolare, alla sua famigerata acconciatura a volute, presente in moltissime scene della saga di George Lucas.

Principessa Leila Organa
Carrie Fisher è la principessa Leila

Leila rappresenta in Star Wars una valorosa combattente dell’Alleanza Ribelle; nata su un asteroide, figlia del cavaliere Jedi Anakin Skywalker e della senatrice Padmé Amidala, nonché sorella gemella di Luke Skywalker, venne adottata dal senatore Bail Organa e da sua moglie, la Regina Organa dopo la morte di sua madre e il passaggio al lato oscuro della Forza di suo padre, ovvero Darth Vader. Nella saga fu resa famosa, in particolare, per il ruolo di leadership nella Guerra Civile Galattica, nella Resistenza e nella Nuova Repubblica.

Carrie Fisher, interprete simbolo della principessa, ha recitato anche nell’ultima puntata della saga: Star Wars: il Risveglio della Forza del 2015 e avrebbe dovuto essere presente anche nell’episodio che uscirà nel 2019, suo sequel.

Leila e Han Solo - Star Wars 7
Leila (Carrie Fisher) e Han Solo (Harrison Ford) in una scena di Star Wars 7

Le-a coffee table, l’opera di design a lei dedicata, è stato creato dallo studio di Zaha Hadid Design e realizzato per Leblon Delienne, la casa francese famosa in tutto il mondo per la produzione di oggetti di design ispirati alla cultura pop e geek. Ora la domanda è: come può un tavolino traslare una figura umana nonché un’icona generazionale?

Dettaglio del tavolo ispirato alla principessa Leila
Le-a Coffee Table – Dettaglio

Le-a coffee table è caratterizzato da due grandi loop che fungono da supporto e che contrastano con le linee dritte degli estremi del tavolino. Le curve richiamano la capigliatura di Leila e il cerchio è la figura complessa per eccellenza, così come complesso è il personaggio della principessa: le diverse sfaccettature della sua personalità, infatti, emergono nella saga in maniera fluida e naturale, deviando dagli stereotipi di genere che ruotano da sempre intorno ai tanti personaggi femminili della cultura pop.

Le creazioni di design sono il risultato di un’arte che sceglie di parlare attraverso le forme, ma la loro identità “materiale” e immutabile, altro non è che una bugia che ci spinge ad andare oltre ciò che vediamo e tocchiamo. Le creazioni di design, grazie alla loro forma, ci spingono a vedere il simbolo racchiuso nell’oggetto che diviene pertanto Altro-da-sé: una sensazione, un ricordo, una rievocazione. È a questo punto che esplode una relazione pulsante e viva tra l’arredo e chi lo usa o lo osserva: un tavolo, una sedia, un soprammobile, sono contemporaneamente materiale, legno, zinco, vetro, plastica e un evento, inteso in senso ampio, un racconto.

Tornando alla nostra principessa, il personaggio di Leila è divenuto negli anni un’icona generazionale. È stata la prima principessa forte e indipendente ed ha aperto la strada a tante altre figure femminili come la Ellen Ripley di Alien, Charlize Theron con l’Imperatrice Furiosa in Mad Max: Fury Road, fino ad arrivare alla Trinity di Matrix, solo per citane alcune.

Principesse guerriere
Eroine guerriere del cinema

Una principessa anomala negli anni ’70 così come lo sarebbe comunque anche oggi, sia per ciò che rappresenta, sia per la sua bellezza atipica dove ciò che emerge maggiormente è il fascino della combattente; non la solita donzella in pericolo da salvare, ma una donna determinata, brillante e intelligente, che raggiunge i suoi obiettivi a colpi di blaster senza chiedere aiuto.

Come il personaggio che rappresenta, Le-a coffee table è un arredo dinamico e sinuoso, calzante allo stile di Zaha Hadid* in cui spesso vediamo semplici linee rette che vengono improvvisamente disturbate da curve ad ansa che danno l’impressione di vorticose spirali. Lo studio di Zaha Hadid, che ha sede da oltre 40 anni a Londra, con questo oggetto crea un “arredo crossmediale”, o meglio, il ricordo di un personaggio che muta forma e materia per venire plasmato e farsi oggetto contemporaneo. E ancora una volta il team di designer dello studio risulta capace di rispondere alle esigenze stilistiche del ventunesimo secolo, ribadendo il proprio status, quello di uno dei più prestigiosi e ammirevoli studi di design al mondo.

Zaha Hadid Design - Beko Masterplan
Beko Masterplan – Belgrade Building Design

Esemplari, in questo senso, sono i lavori più famosi dello studio, come il complesso residenziale e amministrativo Beko Masterplan a Belgrado o il centro l’Heydar Aliyev di Baku, capitale dell’Azerbaigian, dove la fluidità coinvolge anche l’ambiente circostante rendendo lo spazio ben assemblato con l’architettura. Lo stesso vale per Le-a coffee table: la sua unicità sta nel fatto che non si distacca dal luogo che lo ospita ma, anzi, la forma suggerisce una spinta e un continuum con l’ambiente circostante. Le-a coffee table è agile e complesso allo stesso tempo, ma risulta comunque elegantemente minimale; adatto agli interni più svariati, si accosta bene a un arredamento sia antico che contemporaneo, arricchendo comunque l’ambiente di un tono ironico, dal gusto fumettistico ed estremamente moderno.

Il coffee-table è realizzato in vetro e fibra di carbonio, con finiture in ottone e argento, disponibile nelle varianti nera e bianca (308×80 cm). È possibile acquistarlo direttamente online al prezzo di 16.000 euro.

Non è la prima volta che Zaha Hadid prende ispirazione dall’universo di Star Wars per le sue opere: basti pensare alla scrivania presentata quest’anno alla Somerset House di Londra, organizzato dalla Disney, che ripropone idealmente il copricapo indossato della regina Amidala. Lo stile dello studio è perfettamente in linea con l’iconologia popolare della saga, quindi con le serie di fantascienza e il mood futurista.

Concludendo, Le-a coffee table rappresenta tutto ciò che può emergere dalla fusione di due settori artistici come il cinema e il design: fantasia, eleganza, e memoria.

“Che il design sia con voi”.

ddddd

*Zaha Hadid è stata architetto e designer irachena naturalizzata britannica, una fra le massime esponenti della corrente decostruttivista. Nel 2004 è stata la prima donna a ricevere il Pritzker Architecture Prize, il più autorevole premio nell’ambito dell’architettura. Il suo particolare stile di progettazione è caratterizzato da superfici “disturbate” da sopravvolgimenti curvilinei e indomabili prodigi di agilità, il tutto assestato alle fondamenta di una grande abilità matematica, confermata dagli studi della designer che da giovane conseguì un master appunto in matematica pura, a Beirut. Zaha Hadid vanta la realizzazione di edifici fra i più prestigiosi al mondo: il Dubai Financial Market Towers (note come le Dancing Towers), il grattacielo milanese costruito durante il progetto City Life, la maestosa Guangzhou Opera House in Cina, nonché il museo MAXXI a Roma. Il team dell’architetto, morta nel 2016, è ora composto da oltre 240 professionisti.

Cristiana Mandolini è laureanda in Semiotica all’Università di Bologna. Critica per natura, scrive per diletto e passione, le piace scoprire “il senso” delle cose che la circondano. Il suo è un approccio trasversale che attraversa diversi settori dell’arte e della comunicazione, in particolare la moda e il design.

Lascia un commento

*