La signora Trude. Come ti illustro il diavolo

C’era una volta una bambina. Era testarda ed imprudente, e non obbediva ai suoi genitori né ascoltava le loro raccomandazioni: Credete che poteva finir bene?
Un giorno, disse ai genitori:
“Ho sentito tanto parlare della signora Trude! Uno di questi giorni, voglio andare a trovarla. La gente racconta che tutto ciò che la riguarda è strano, e che in casa ha molte cose bizzarre! Sono piena di curiosità!”
I genitori glielo proibirono severamente e dissero:
“La signora Trude è una donna cattiva, che ne fa di tutti i colori; e se tu vai da lei, non sei più nostra bambina!”

Ma la bambina non si curò del divieto, e andò lo stesso dalla signora Trude. Quando arrivò da lei, la signora le chiese:
“Perché sei così pallida?”
“Ah, – rispose la bambina, tutta tremante – perché ciò che ho visto mi ha fatto tanta paura !”
“E che cosa  hai visto?”, domandò la vecchia.
“Ho visto un uomo nero sulla vostra scala”, disse la ragazzina.
“Era un carbonaio”
“Poi, ho visto un uomo verde”
“Era un cacciatore”
“Poi, ho visto un  uomo rosso di sangue!”
“Era un macellaio”
“Ah, signora Trude! Che orrore, ho guardato dalla finestra e non ho visto voi, ma  il Diavolo con la testa fiammeggiante”
“Oho! – disse quella – Dunque hai visto la strega nel suo vero costume! E’ un pezzo che ti aspetto e ti desidero: mi farai lume!”
Trasformò la bambina in un ceppo e la gettò nel fuoco. E, quand’esso divampò, sedette lì vicino, si scaldò e disse:
“Che luce chiara!”

Jakob e Wihelm Grimm, Fiabe, Oscar Mondadori, 1980

aaa

I fratelli Grimm. Jakob Ludwig Karl Grimm nacque a Hanau nel 1785 (morì a Berlino nel 1863). Professore di lettere antiche e bibliotecario di Gottinga, fu destituito nel 1837 a causa delle sue idee liberali. Nel 1840 Friedrich Wilhelm IV lo chiamò a Berlino. Con il fratello Wilhelm Karl (1786-1859), pubblicò una raccolta di Saghe tedesche (Deutsche Sagen, 1816-1818) e una di Fiabe (Kinder und Hausmärchen, 1812-1822), riprese dalla viva voce del popolo. Erano testi orali, che spesso riprendono motivi di altri paesi. I curatori vedevano in essi le tracce di antichissime credenze. Le due raccolte ebbero vasta risonanza. Jakob Grimm si occupò anche di diritto, grammatica, di letteratura e linguistica, di mitologia. In collaborazione con il fratello avviò la pubblicazione di un “Dizionario tedesco”, opera fondamentale per la conoscenza etimologica e storica delle parole tedesche.

Marianna Tini, giovane illustratrice romana, ha realizzato l’illustrazione della favola ispirandosi all’impaginazione tipografica del 1600, in particolare all’Iconologia di Cesare Ripa.

Classe 1992, coltiva la passione per la storia dell'arte a Roma, la città dov'è nata e vive. Disegna per passione e le piace viaggiare, anche solo con la fantasia. Dal 2017 inizia a collaborare con Cronache Letterarie, curando la rubrica dedicata all'illustrazione.

Lascia un commento

*