Where vision gets built
Qualcosa sui Lehman

Era il 15 settembre del 2008 quando la Lehman Brothers Holding Inc. dichiarò di volersi avvalere del Chapter 11 del Bankruptcy Code statunitense: il codice bancarotta. Fu un fallimento clamoroso che innescò la crisi economica che ancora oggi attanaglia l’Occidente. Un effetto domino che mise in luce le contraddizioni e la fragilità del capitalismo rapace e cinico. Perché la Lehman Brothers non era una banca qualsiasi. Era la banca d’affari per antonomasia. La banca che aveva contribuito più di ogni altra alla nascita e all’affermazione del capitalismo made in USA. Per intenderci, quella che fece scuola nell’inventare nuovi modelli di business che oggi si danno per scontati: dagli investimenti spregiudicati in ogni settore, al finanziamento dei primi film hollywoodiani (ad es. Via col vento), dai prestiti a rate per l’acquisto degli elettrodomestici, ai famigerati mutui sub prime. Lehman Brothers contribuì alla creazione del mercato azionario di Wall Street insieme a altri colossi come Rotschild e Goldman Sachs.
Qualcosa sui Lehman è un testo che ripercorre la storia della Lehman Brothers dalla fondazione al crack. L’autore è Stefano Massini, il drammaturgo italiano attualmente più acclamato e rappresentato al mondo.  Continua a leggere Where vision gets built
Qualcosa sui Lehman

Growth Hacking
Il marketing digitale e innovativo che ha messo fuori uso il marketing

Dropbox, Groupon, Instagram e Pinterest, aziende che pochi anni fa a mala pena esistevano, hanno accumulato miliardi di dollari. Eppure nessuna agenzia pubblicitaria è responsabile del loro successo, nessuna di loro si è avvalsa di risorse da sempre considerate indispensabili. Com’è stato possibile allora? Grazie al growth hacking, un tipo di marketing digitale e innovativo che ha permesso di creare qualcosa dal nulla e farlo diventare enorme. Fare tanto con poco è il paradosso che muove tutti i venditori e gli imprenditori. Con strategie innovative e a basso costo, i growth hacker hanno trasformato le loro aziende in marchi miliardari. Vediamo come. Continua a leggere Growth Hacking
Il marketing digitale e innovativo che ha messo fuori uso il marketing

Il manoscritto: come la riscoperta di un libro perduto cambiò la storia della cultura europea
di Stephen Greenblatt

Questo è un libro di storia e di storia delle idee.
Qui non troverete truculenti vicende di sesso e violenza, intrighi di potere e di palazzo e nemmeno fantasie su maghi, draghi, streghe ed eroi invincibili… ma una storia vera di uomini – e che uomini!
Sono gli umanisti fiorentini del ‘300 e degli inizi del ‘400, che grazie alla loro curiosità e all’insaziabile sete di sapere, diedero vita al Rinascimento italiano ed europeo. Come ad esempio l’umanista Poggio Bracciolini che arrivò da Arezzo a Firenze cum quinque soldis verso gli ultimi anni del ‘300. Poggio era nato a Terranuova nel Valdarno, non lontano da Arezzo. Proveniva da una famiglia poco abbiente, ma era dotato di grande intelligenza, curiosità e di una bellissima calligrafia. Quest’ultima qualità, che a noi oggi pare del tutto irrilevante, in un’epoca ancora priva della stampa era molto apprezzata e considerata di primaria importanza. Continua a leggere Il manoscritto: come la riscoperta di un libro perduto cambiò la storia della cultura europea
di Stephen Greenblatt

Il fattore Borges
seconda parte

Il fattore Borges Cover

Lo scrittore argentino Alan Pauls ha presentato a Roma
Il fattore Borges
(vedi qui la prima parte)

Ora io posso parlarvi di come e perché ho scritto Il fattore Borges. E’ stato in parte scritto per un incarico, avuto verso la fine degli anni Novanta, quando si avvicinava il centenario della nascita di Borges. Ma la mia è stata anche la risposta a una stanchezza rispetto alle critiche fatte a Borges, un fastidio e un’irritazione che mi suscitava il fatto che la molteplicità di Borges fosse soffocata da una serie di luoghi comuni che pesavano su di lui per cui era considerato una sorta di saggio, un po’ autistico, che scriveva dalla sua torre d’avorio testi che non tutti potevano capire.  Continua a leggere Il fattore Borges
seconda parte

Noi adoratori di Borges

IMG_5975

In piazza Ponte Milvio, davanti al bar libreria Pallotta, lo scrittore argentino Alan Pauls presenta il suo libro Il fattore Borges. Con lui, malgrado abbia l’influenza, c’è Goffredo Fofi. L’incontro avviene in mezzo a gente che passa da tutti i lati, macchine, autobus, motorini, il suono dei clacson, donne e bambini a passeggio, uomini e cani, gente che va nella vicina trattoria, o che ne esce per fumare, oppure si dirige negli svariati locali del quartiere. E intanto noi, qui seduti, con l’impressione di stare al centro di tutto, cerchiamo di capire che cos’è Il fattore Borges. Continua a leggere Noi adoratori di Borges

La terra bianca. Marmo, chimica e altri disastri.

cave-di-marmo-carrara-tourUna storia che parrebbe surreale, se non fosse vera, quella narrata da Giulio Milani, scrittore e direttore della casa editrice Transeuropa, ne La terra bianca. Marmo, chimica e altri disastri. Stiamo parlando di quello che una tv tedesca, che ha girato un documentario nella zona, ha definito il «più grave disastro ambientale d’Europa». Continua a leggere La terra bianca. Marmo, chimica e altri disastri.

Cosa si legge in Vietnam

Buddha at Nguyen Khang Taktsang Monastery, VietnamIn Vietnam non si leggono molti libri, e a volte quando vengono letti si sorvola su particolari così marginali come la trama e i contenuti. L’inconscia semplicità di una ispirazione estetica ben applicata a un testo vale più di una qualunque logica narrativa con le sue complicazioni.
«Di cosa parla il libro che stai leggendo?»
«Non lo so, non ne ho idea. È semplicemente bellissimo!»
Il lettore orientale, in generale, non pretende troppo fervore o troppa verità da ciò che legge, perché sa bene che la verità non è citabile con la parola scritta, e nemmeno gli interessa la descrizione fedele delle cose come appaiono, perché è ben cosciente della loro natura soggettiva e sa che raramente la realtà è quella che sembra. Continua a leggere Cosa si legge in Vietnam