Gli uomini leggono per aggiustare, le donne per evadere

Sono le donne che leggono di più, questo ormai è evidente, al punto che le case editrici creano copertine femminili anche per romanzi che femminili non sono. Vincent Monadé, Presidente del centro nazionale del libro francese, ha scritto un libro breve e divertente che s’intitola “Come far leggere gli uomini della vostra vita”.
Eppure per molto tempo la lettura è stata considerata un’attività pericolosa per le donne perché le faceva evadere dalla loro vita di mogli e madri. Vedi Madame Bovary che è diventata quello che era proprio per aver letto dei romanzi.
La letteratura ha una grande potenza emancipatrice, sostiene Monadé, ed è un peccato che i maschi se ne privino. I ragazzi smettono di leggere verso i 13, 14 anni. Il perché nessuno lo sa, ma questa tendenza si sta accentuando. Dopo l’adolescenza non ricominciano a leggere romanzi, a differenza delle ragazze il cui rapporto con la letteratura si evolve per tutta la vita. I maschi smettono di leggere per piacere e cominciano a leggere cose utili, per lavoro. Leggono libri scientifici e libri di storia, giornali e se proprio devono evadere, fumetti: in questo superano le donne. Gli uomini leggono per approfondire la loro conoscenza, le donne per evadere. Continua a leggere Gli uomini leggono per aggiustare, le donne per evadere

Più libri più liberi 2014

IMG_8778Torna Più Libri Più Liberi, la fiera della piccola e media editoria che si svolge ogni anno a Roma. Per cinque giorni il Palazzo dei Congressi si riempie di stand colorati, ricolmi di libri che “si avventurano nelle rotte meno battute dal mainstream”, mentre autori, editori, editor, traduttori, lettori, giornalisti, blogger s’incontrano e si confrontano, al primo piano, in dibattiti e presentazioni.
Quest’anno gli scrittori stranieri presenti sono stati Björn Larsson, non Stieg, quello di Millenium che è morto dopo aver fatto sette piani di scale a piedi, ma Björn, quello che ha scritto La vera storia del pirata Long John Silver, anche lui svedese, che ha presentato un saggio in cui racconta le passioni della sua vita, tra cui la barca a vela e l’Italia (in effetti parla bene l’italiano). A Loredana Lipperini che gli chiede se il mestiere dello scrittore è quello di rubare, Larsson risponde: Continua a leggere Più libri più liberi 2014

Più libri e più liberi di così?

Dal 5 all’8 dicembre si è svolta a Roma Più libri più liberi, la fiera della piccola e media editoria, con 347 espositori e numerosissimi autori.
Sei milioni e mezzo di libri di carta sono stati venduti quest’anno dalle librerie online, malgrado solo il 58% degli italiani utilizzi internet. L’acquisto online è passato dal 5 all’11% in poco più di due anni. Nel complesso il mercato del libro in Italia, da gennaio a settembre 2013, ha perso il -4,6%. In crescita l’e-book che a fine 2012 aveva raggiunto una quota di mercato di circa il 2% e nulla si sa ancora del 2013.

Come conquistare il Nobel per la letteratura

Era il 1888 quando Alfred Nobel, l’inventore della dinamite, lesse sul giornale la notizia della sua morte. Quello che forse più lo colpì fu come venne annunciata: “E’ morto il mercante di morte”. In realtà chi era morto era suo fratello, ma la notizia gli provocò una certa apprensione circa il modo in cui sarebbe stato ricordato. Così, un po’ come gli Scrovegni riscattarono una vita da strozzini facendo costruire e affrescare da Giotto la famosa cappella, Alfred Nobel decise che voleva essere ricordato diversamente e inventò il Premio Nobel. Grazie alle sue precedenti 355 invenzioni, il chimico e ingegnere svedese aveva infatti accumulato una straordinaria fortuna. Continua a leggere Come conquistare il Nobel per la letteratura

Più libri più liberi

Si è conclusa, al palazzo dei Congressi di Roma, Più libri più liberi, la fiera della piccola e media editoria. 4 giorni, 400 espositori, 60 mila titoli, 383 editori, 280 appuntamenti con autori italiani e stranieri, giornalisti, attori e soprattutto tanti lettori: oltre 50 mila presenze. Quest’anno la fiera era dedicata a “Tutte le forme di scrittura”, con una particolare attenzione a fumetto, musica, cinema, arte e nuove teconologie digitali. Grande attenzione anche alla scoperta di nuovi talenti, sia italiani che stranieri. Continua a leggere Più libri più liberi

L’uomo non è mai stato sulla luna
Bufale, leggende metropolitane e complotti

Lo sapevate che il virus dell’Aids è stato costruito dall’uomo in laboratorio, come arma biologica letale, e poi è sfuggito al suo controllo?
Che le Torri Gemelle sono state distrutte dagli stessi americani d’accordo con i Talebani? Che Paul McCartney è morto in un incidente stradale ed è stato sostituito da un sosia e che Giovanni Paolo I è stato assassinato?
E magari pensate che l’uomo sia andato sulla luna, mentre era tutta una messinscena?
Queste sono solo alcune delle più diffuse e longeve teorie del complotto che, malgrado l’assurdità, sono dure a morire perché si propagano rapidamente e trovano sempre nuovi adepti. Hanno tutte bisogno di rumors, di voci, del passa parola e quelli che ci credono si credono più astuti degli altri: hanno la sensazione di aver capito ciò che alla maggior parte della gente sfugge.
La teoria del complotto di gran lunga più famosa è quella dell’11 settembre, per cui sarebbero stati gli stessi americani a buttare giù le Torri Gemelle. Il primo che l’ha pensata, o forse soltanto “raccolta”, è stato un giornalista francese. Continua a leggere L’uomo non è mai stato sulla luna
Bufale, leggende metropolitane e complotti