Percival Everett In un palmo d’acqua

b011c99924ca4d91fdf1ad5ed0d6576fFrontiera. Luogo di incontri, di scambi, di passaggi. Luogo di cavalli e di meticci.
Margine in cui ci si può rifugiare per riflettere sulla propria esistenza o cominciare una nuova vita. Luogo della fuga come dell’apparente immobilità. Luogo del possibile, in cui a volte il soffio del vento è un respiro magico. Non un muro di pietre e filo spinato ma un guado di un palmo d’acqua. La frontiera ha le sue regole, spesso diverse da quelle normali. Regole tacite, ma anche spietate.
La frontiera di Percival Everett è quella del west, della California odierna, ai piedi delle Montagne Rocciose. Qui sopravvive il fascino malinconico della natura che resiste selvaggia, di cowboy dai modi sempre ruvidi e spicci, di donne silenziosamente sagge o ribelli all’arida realtà della frontiera, almeno in apparenza. Continua a leggere Percival Everett In un palmo d’acqua

La La Land

Quando il rumore di fondo di un ingorgo stradale si trasforma in musica, di radio in radio, fino a diventare una canzone irresistibile, che coinvolge i guidatori in una coreografia trascinante, allora sai che stai per vedere qualcosa di speciale. La sequenza di apertura di La La Land è una delle più efficaci degli ultimi anni, ed è solo l’inizio di un film che entusiasma fino ai titoli di coda.
Damien Chazelle, talentuoso regista e sceneggiatore di un’opera prima del calibro di Whiplash, è riuscito nel difficile compito di superare se stesso con una naturalezza quasi sfacciata. Continua a leggere La La Land

Bugie nascoste di Alessandra Torre

Foto di Valentina Fontanella

In questo inizio 2017 ho pensato di presentarvi un erotic suspense, nonché thriller psicologico, davvero sorprendente, scritto dall’americanissima – nonostante il nome – Alessandra Torre, autrice di 12 libri di cui 5 al top della classifica del New York Times nell’erotico. Sinceramente ciò che colpisce di Bugie nascoste non è tanto la parte eros che è, sì sostanziosa, ma non predominante ed è intrecciata alla trama come l’ingrediente essenziale di qualsiasi relazione. Ciò che ci tiene al guinzaglio dalla prima all’ultima riga è la curiosità quasi ossessiva di comprendere il mistero sotteso allo strano triangolo in cui la protagonista si ritrova invischiata. Continua a leggere Bugie nascoste di Alessandra Torre

Growth Hacking
Il marketing digitale e innovativo che ha messo fuori uso il marketing

Dropbox, Groupon, Instagram e Pinterest, aziende che pochi anni fa a mala pena esistevano, hanno accumulato miliardi di dollari. Eppure nessuna agenzia pubblicitaria è responsabile del loro successo, nessuna di loro si è avvalsa di risorse da sempre considerate indispensabili. Com’è stato possibile allora? Grazie al growth hacking, un tipo di marketing digitale e innovativo che ha permesso di creare qualcosa dal nulla e farlo diventare enorme. Fare tanto con poco è il paradosso che muove tutti i venditori e gli imprenditori. Con strategie innovative e a basso costo, i growth hacker hanno trasformato le loro aziende in marchi miliardari. Vediamo come. Continua a leggere Growth Hacking
Il marketing digitale e innovativo che ha messo fuori uso il marketing

Una mamma per amica
Stagione 8

È passato più di un mese da quando, il 25 novembre scorso, Netflix è riuscito nel miracolo più agognato e insperato del mondo delle serie tv: riportare sullo schermo Una mamma per amica.
Correva l’anno 2007, quando David S. Rosenthal (co-produttore della serie) chiudeva baracca e burattini nell’immaginaria cittadina di Stars Hollow. Un compito impietoso, considerato l’abbandono chiacchierato – e mai del tutto spiegato – della mente creatrice Amy Sherman-Palladino che, dicendo addio alla serie insieme al marito co-autore Daniel Palladino, lasciava sulla sua strada macerie e resti di uno spettacolo grandioso. Troppo difficile eguagliare il suo spirito, impossibile mantenere lo stesso sapore, lo show aveva ormai perso i suoi ingredienti originari. Continua a leggere Una mamma per amica
Stagione 8

Il manoscritto: come la riscoperta di un libro perduto cambiò la storia della cultura europea
di Stephen Greenblatt

Questo è un libro di storia e di storia delle idee.
Qui non troverete truculenti vicende di sesso e violenza, intrighi di potere e di palazzo e nemmeno fantasie su maghi, draghi, streghe ed eroi invincibili… ma una storia vera di uomini – e che uomini!
Sono gli umanisti fiorentini del ‘300 e degli inizi del ‘400, che grazie alla loro curiosità e all’insaziabile sete di sapere, diedero vita al Rinascimento italiano ed europeo. Come ad esempio l’umanista Poggio Bracciolini che arrivò da Arezzo a Firenze cum quinque soldis verso gli ultimi anni del ‘300. Poggio era nato a Terranuova nel Valdarno, non lontano da Arezzo. Proveniva da una famiglia poco abbiente, ma era dotato di grande intelligenza, curiosità e di una bellissima calligrafia. Quest’ultima qualità, che a noi oggi pare del tutto irrilevante, in un’epoca ancora priva della stampa era molto apprezzata e considerata di primaria importanza. Continua a leggere Il manoscritto: come la riscoperta di un libro perduto cambiò la storia della cultura europea
di Stephen Greenblatt

Dreaming California
Le ragazze di Emma Cline

Cosa si è disposti a fare, fin dove possiamo spingerci pur di essere notati, apprezzati, considerati? C’è un bisogno più insaziabile dell’amore, sembra voler insegnare questo romanzo: essere ritenuti bravi, interessanti, intelligenti, belli, creativi.
Essere amati può succedere anche se si è brutti e stupidi, ma essere considerati interessanti e creativi ci fa emergere dalla massa e accedere alla categoria degli eletti.
Evie, la protagonista de Le ragazze, ha questa aspirazione, essere notata, uscire dalla massa indistinta delle sue coetanee, tutte scuola, casa e amiche. E per riuscirci farebbe qualsiasi cosa. Continua a leggere Dreaming California
Le ragazze di Emma Cline