Breve trattato sulle coincidenze
di Domenico Dara

Un postino riflessivo e solitario non resiste alla tentazione di leggere le lettere che consegna nel paesino in cui vive e dove apparentemente non succede niente. Il postino, tante volte nella vita ha desiderato trasformarsi in un oggetto per spiare l’intimità della gente. “Cosa c’è di male, in fondo, a leggere la corrispondenza altrui?”
Inizia allora ad aprire tutte le lettere che lo incuriosiscono “scoprendo così nella corrispondenza segreta del paese un mondo straordinario in cui tutti sembravano avere una vita parallela fatta di confessioni, segreti, amori, dolori clandestini”.
La lettera che più lo incuriosisce è scritta con una calligrafia che sembra la sua. E’ una lettera d’amore per una donna la cui vita è “stipata tra una pila di piatti lordi e montagne di panni da stirare”. E lo stupore non finisce qui perché questa lettera assomiglia molto a una che lui stesso ha scritto diversi anni prima e che non ha mai spedito.   Continua a leggere Breve trattato sulle coincidenze
di Domenico Dara

I tre migliori libri dell’anno per Carmelo Calì del bar libreria Pallotta a Ponte Milvio

Carmelo Calì ..In piazza Ponte Milvio, centro della movida romana, davanti al ponte su cui si svolse la battaglia tra Costantino e Massenzio e più di recente quella dei lucchetti, c’è il bar libreria Pallotta. Proprio lì sul marciapiede, ogni giovedì sera si svolge Libri a mollo, ovvero incontri con scrittori italiani, presentati da altri scrittori o da giornalisti. Si sta al fresco, si ascolta mentre si beve qualcosa. A Carmelo Calì, inventore di ‘Libri a mollo’ e responsabile del bar libreria, ho chiesto quali sono i tre migliori libri che ha letto quest’anno. Lui li ha pescati dagli scaffali ed ecco cosa mi ha risposto. Vi preannuncio solo che sono tutti italiani. Continua a leggere I tre migliori libri dell’anno per Carmelo Calì del bar libreria Pallotta a Ponte Milvio