Gli uomini leggono per aggiustare, le donne per evadere

Sono le donne che leggono di più, questo ormai è evidente, al punto che le case editrici creano copertine femminili anche per romanzi che femminili non sono. Vincent Monadé, Presidente del centro nazionale del libro francese, ha scritto un libro breve e divertente che s’intitola “Come far leggere gli uomini della vostra vita”.
Eppure per molto tempo la lettura è stata considerata un’attività pericolosa per le donne perché le faceva evadere dalla loro vita di mogli e madri. Vedi Madame Bovary che è diventata quello che era proprio per aver letto dei romanzi.
La letteratura ha una grande potenza emancipatrice, sostiene Monadé, ed è un peccato che i maschi se ne privino. I ragazzi smettono di leggere verso i 13, 14 anni. Il perché nessuno lo sa, ma questa tendenza si sta accentuando. Dopo l’adolescenza non ricominciano a leggere romanzi, a differenza delle ragazze il cui rapporto con la letteratura si evolve per tutta la vita. I maschi smettono di leggere per piacere e cominciano a leggere cose utili, per lavoro. Leggono libri scientifici e libri di storia, giornali e se proprio devono evadere, fumetti: in questo superano le donne. Gli uomini leggono per approfondire la loro conoscenza, le donne per evadere. Continua a leggere Gli uomini leggono per aggiustare, le donne per evadere